La breve storia dei flipper..dal '50 ai giorni nostri

Tutti i "Perche' piu strani", che riguardano i nostri beneamati flipper...
Per i problemi specifici APRITE un TOPIC APPOSTA nelle sezioni tematiche!

Moderatore: Moderatore Flipper

Avatar utente
TheBaro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6711
Iscritto il: 22/07/2005, 20:52
Reputation: 18
Località: Brescia

La breve storia dei flipper..dal '50 ai giorni nostri

Messaggio da TheBaro » 26/09/2010, 11:14

Trovato da fonti sparse per la rete, ecco a voi la "breve" storia dei flipper, dai primi anni 50 (quando vennero prodotti i primi esemplari con le "pinne") ai giorni nostri..
Forse non tutti sanno che, esattamente 63 anni fa, vide la luce il primo pinball con i respingenti. Gli apparecchi prodotti in precedenza (i primi nascono nel 1930) sono infatti niente altro che "bagatelle" a gettone, ovvero giochi tipo bingo in cui l'azione del giocatore era limitata all'invio della palla sul piano di gioco tramite l'apposito stantuffo.

Il primo flipper a pinne della storia Humpty Dumpty, di produzione Gotlieb su progetto di Harry Mabs, che viene introdotto sul mercato nell'autunno del 1947. La particolarità di questo modello e di quelli immediatamente successivi era nel fatto che le pinne sono rivolte verso l'esterno, mentre per vedere le pinne nella posizione odierna bisogna attendere i primi anni '50. Nel frattempo furono spesso adottate le pinne multiple (fino a 6), in quanto le restrizioni della corrente elettrica imposte negli USA non consentivano ad esse di avere la forza necessaria.

L'innovazione tecnologica diede una notevole spinta ai pinball, ma di lì a poco il mercato raggiunse la saturazione. Sicché, molte case, fra cui la Chicago Coins e persino la Bally, si dedicarono alla produzione di altri giochi. A contendersi la leadership rimasero così solo la Gottlieb e la Williams. Una sfida giocata non soltanto sul piano tecnologico, ma soprattutto su quello della creatività.

Negli anni '50 sono piuttosto diffuse le animazioni della testata, alcune meramente coreografiche, altre facenti parte integrante del gioco. E' il caso dello Spark Plugs (1951) della Williams, dove nella parte alta si svolge una corsa di cavalli. Anche i tavolieri, ovvero i piani di gioco, acquistarono gradatamente vivacità prevedendo ben presto degli elementi che, una volta colpiti, si abbassano sotto il piano (il caso di Wild West della Gottlieb; 1951). Happy Days (Gottlieb 1952) uno dei primi esempi di flipper provvisti di buche mangiapalle al centro del piano di gioco.

Per stimolare il giocatore, la Gottlieb introdusse, con Mystic Marvel (1954), la ripetizione della partita (da 1 a 3 con una moneta, da 2 a 6 con due). Caratteristica comune a tutti gli apparecchi dell'epoca era il conteggio dei punti, visualizzato tramite delle tabelle retroilluminate. Su Gun Club e Struggle Buggies (Williams, 1953) vengono sperimentati i primi rulli segna punti, che però stenteranno a prendere piede.

Le novità si succedevano a ritmo vertiginoso. Una cosa a cui, fino al 1954, nessuno aveva pensato era di coinvolgere più di un giocatore alla volta. La lacuna venne inizialmente colmata dal Super Jumbo della Gottlieb, che ammette fino a 4 players. Il gioco, tra l'altro, contribuì in modo decisivo all'affermazione dei segnapunti a rulli, anche se la contabilità contenuta alle tre cifre.

La Bally che, come dicevamo, aveva momentaneamente accantonato il settore flipper, tornò in auge alla grande, nel 1956, sfornando un autentico caposaldo della storia dei flipper: Balls-A-Poppin, che introdusse il sistema multiball, con la presenza contemporanea di 2/6 palle sul piano di gioco.

Entriamo negli anni '60: ecco Flipper (Gottlieb) dotato del sistema add-a-ball, palline gratis invece di partire gratis come in precedenza, al raggiungimento di determinati punteggi. Un'invenzione dettata anche dalla necessità: pure in America il pinball ha dovuto combattere contro i detrattori, che lo vedevano come un gioco d'azzardo. Con tale soluzione tecnica l'ostacolo viene aggirato, dando pari soddisfazioni al giocatore. La Gottlieb visse di rendita un paio d'anni grazie a questa intuizione. Poi, con Vagabond (1962), aprì l'era dei bersagli cadenti. E Swing Along (Gottlieb, 1963) fu il primo dotato di spinners (bersagli rotanti).

Nel Monte Carlo (Bally, 1964) si vedono per la prima volta i funghi respingenti (pop bumpers), mentre la primizia introdotta dal Eight Ball (Williams, 1966) il sistema split bank, che memorizza la situazione del tavoliere per ogni giocatore. Dello stesso anno il Bazaar (Bally), con il rivoluzionario sistema di pinne a cerniera: nel momento in cui i bersagli stabiliti venivano colpiti, esse si ravvicinano, chiudendo lo spazio antistante la buca.

Altra tappa fondamentale della storia del flipper fu sancita dalla nascita del Hayburners II (Williams, 1968), il primo ad avere le pinne da 7,5 cm al posto delle originali da 5 cm.

Gli anni '70 vennero caratterizzati inizialmente da nuove soluzioni grafiche, molto accattivanti. Alcuni dei titoli che andavano per la maggiore erano: Four Million BC (Bally, 1972), su tema preistorico, con un tiro particolare del pistone di avvio; Fireball (Bally 1972), grandi scenografie e un insieme di soluzioni tecniche ad alto effetto; Orbit (Gottlieb, 1972), provvisto di una barretta di metallo che dà punti variabili secondo la forza con cui viene colpita; 0X0 (Williams, 1973), in cui l'obiettivo è quello di accendere le X e le 0 nel quadro al centro del tavoliere.

Il 1975 è l'anno del riuscitissimo Space Mission (Williams), ma soprattutto di Tommy, la celebratissima pellicola cinematografica dove Roger Daltrey interpreta il ruolo di un ragazzo cieco-sordomuto, abilissimo giocatore di flipper. Il principale tema musicale, "Pinball Wizard", andò in testa a tutte le classifiche e ispirò un altro grande successo della Bally: Wizard per l'appunto, che raffigura nella testata i due protagonisti del film Tommy.

Siamo agli albori dell'era dell'elettronica. Curiosamente, fu la piccola e sconosciuta Mirco ad inaugurarla con Spirit of 76, la cui prerogativa era il segnapunti con numeri digitali. Il gioco però non era un granch e fu grazie al Dyn-O-Mite della Allied Leisure che esplose il mercato dei flipper digitali. La nuova tecnologia permise di programmare un gioco più veloce, grazie alla presenza di vere e proprie memorie che registrano il punteggio, anche se nel frattempo vengono colpiti altri bersagli. Il primo flipper "intelligente" fu l'Eight Ball (Bally, 1977) che stabilì un record di vendite da hit parade di tutti i tempi (più di 20.000 pezzi). Nel 1979 la Williams presentò Gorgar, che lanciò la moda dei flipper parlanti. Il minaccioso richiamo del mostro è riprodotto nella testata accompagnato da un cupo battito cardiaco che fa da sottofondo. Innovazione di grande attrattiva, ben presto sfruttata dagli altri produttori.

Nel concludere la carrellata sugli anni '70, non si può non fare un cenno alle tante stravaganze che segnarono l'epoca. Dapprima si tentò di trasferire il gioco all'interno di cabinet simili a quelli dei videogiochi (quale il Sea Hunt della Allied Leisure), se non addirittura di proporre apparecchi in cui due giocatori possono sfidarsi dalle due estremità del piano (il Challenger della Gottlieb). Più avanti vennero introdotti apparecchi più grandi dello standard (fra i tanti, lo Space Invaders della Atari) e quelli "da tavolino", piatti e poco appariscenti, ideali per sale con poco spazio a disposizione (ricordiamo il Black Velvet della Game Plan).

Nel 1980 arrivò il primo flipper con multiball elettronico: il Firepower (Williams), autentico campione di incassi. Esso apportò anche un'altra innovazione, quella del cambio di corsia, azionabile tramite i pulsanti delle pinne, con il quale si possono spostare le corsie illuminate sul piano di gioco, rendendo più facile completare le sequenze coi punteggi alti. Nello stesso anno arrivò il Black Night, in cui l'azione si svolge su due livelli collegati da rampe; presenta inoltre un bersaglio bonus a tempo e, al termine della partita, concede al giocatore che ha totalizzato il migliore punteggio, 30 o 60 secondi di gioco in più con tre palline contemporaneamente in campo. Con Haunted House apparirono addirittura i tre livelli, uno dei quali si trovava al di sotto del piano. Tanta fantasia purtroppo non bastò a risollevare le sorti del flipper, che in quel frangente stavano perdendo nettamente la sfida con i videogames, sicché qualcuno provò a collocare un vero e proprio gioco su video nella testata.

L'abbinamento con personaggi e soggetti cinematografici o musicali non era certo sufficiente a richiamare la grande utenza e molte ditte furono costrette a ridimensionare gli investimenti. Furono rispolverate diverse soluzioni tecniche del passato e alcuni pensarono anche di lanciare versioni elettroniche dei più fortunati titoli a livello meccanico (alcune risultarono eccellenti, vedi l'Eight Ball Deluxe della Bally). La crisi si sarebbe rivelata un malanno passeggero. Verso la metà degli anni '80 il flipper riprese quota. Un altro passo avanti nella tecnologia contrassegnato da Chicago Clubs Triple Play (Premier/Gottlieb 1985), provvisto di display alfanumerici che danno messaggi ai giocatori. Dopodiché, il flipper cominciò a fare sensazione anche per l'ntroduzione di immagini fotografiche nella testata e per i piani di gioco sempre piùveloci, ricchi di luci, bersagli, rampe, buche nascoste. Nella seconda parte del decennio i nomi da ricordare sono Space Shuttle (Williams, 1984), Comet (Williams, 1985), Raven (Premier, 1985), High Speed (Williams, 1986), Pinbot (Williams, 1987), Laser War (primo flipper Data East, 1987), Elvira (Bally Midway, 1989).

Grazie ai dot matrix, la vecchia idea di proporre giochi alternativi a quello che si svolge sul tavoliere diventò una soluzione di dominio comune. Di solito, sono gli stessi tasti delle pinne a interagire col display, che concede vistosi incrementi di punteggio o alternative da sfruttare nell'azione con le biglie. Si aprì un'autentica battaglia per ottenere le licenze dei film più famosi: da Star Trek a Terminator, da Rambo a Lethal Weapon, da Last Action Hero a Jurassic Park, da Indiana Jones a Flinstones. Fino ad arrivare ai recentissimi NBA Jam, Apollo 13, Johnny Mnemonic, Waterworld, Independence Day, Twister, The Lost World, X-Files. L'ingresso della Capcom e soprattutto della Sega nel settore non solo ha portato una ventata di novità, ma addirittura ha sostenuto un mercato che, ancora adesso, attraversa una fase decisamente depressiva.

Il capitolo di chiusura è doveroso dedicarlo al Safe Cracker della Bally (1995), che è il primo e per ora unico token-flipper: al raggiungimento di un determinato punteggio, eroga un doblone dalla fessura posta nella parte bassa della testata.
Arcade Cab : Crazy Taxi, 18 Wheeler, Virtua Golf, 3 Naomi, Videogame, Magnum, Astrowar, Zaccaria, Operation Bear, Point Blank 2 e 3, Taito ZuZuBlock, Racing Hero, Badlands, Generico Guida Upright
Flipper : Creature from Black Lagoon, Road Show, Dracula, World Cup '94, Theatre of Magic, Tales from the Arabian Nights, Medieval Madness, Cactus Canyon, The Getaway HSII, Star Trek Next Generation, Monster Bash, Attack from Mars, Terminator 2, Revenge From Mars, ScaredStiff, Indiana Jones, The Addam's Family, Twilight Zone, Card King


Avatar utente
Beowulf
Meitre del Forum
Messaggi: 3614
Iscritto il: 29/05/2009, 9:12
Reputation: 6
Città: Bonferraro
Località: Verona

Re: La breve storia dei flipper..dal '50 ai giorni nostri

Messaggio da Beowulf » 29/09/2010, 9:37

Io ho il silver slugger che invece del doblone dovrebbe erogare un ticket. A cosa serviva poi il doblone? E il ticket?


Avatar utente
PaTrYcK
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11042
Iscritto il: 12/10/2009, 19:35
Reputation: 105
Città: Cagliari

Re: La breve storia dei flipper..dal '50 ai giorni nostri

Messaggio da PaTrYcK » 29/09/2010, 9:58

Bravo Thebaro!

aggiungo una curiosita' dei flipper:

"A quei tempi le discoteche non esistevano ancora; e quindi le mamme si accanirono presto contro questo nuovo passatempo che "distrae i ragazzi distogliendoli dallo studio, spingendoli a spendere fino all'ultima moneta come nel peggiore dei giochi d'azzardo" (come recita testualmente un giornale dell'epoca).

Si arrivò quindi presto in Italia ad una legge, varata nel 1965, che vietava "il giuoco tipo flipper" oltre ad una moltitudine di altri passatempi che con il flipper avevano poco o nulla in comune, tipo le slot-machines.

Il flipper era quindi destinato a scomparire in quanto gioco d'azzardo? No, perchè subito gli americani corsero ai ripari per non perdere un importante mercato come quello italiano. La legge vieta il gioco chiamato flipper? E noi, apposta per l'Italia, cancelliamo la scritta "flipper" dovunque compare, ed anzi nel vetro della testata scriviamo ben chiaro ed in italiano che questo è un "Nuovo Bigliardino Elettrico" (Federico Croci - www.tilt.it)
The Red-Gottlieb Lucky Strike-Super Sprint-Daytona USA-Invasion-Sega Rally- Microguida-Asterock-Chase HQ-Road Champion-JBLyric-Dig Dug-Super Off Road- Asteroids- Astro Wars-The Invaders-Kosmo Killer-Zarzon-Portraits-Xevious-Clowns-Scramble-Gaplus-Ice Cold Beer -Turbo-Defender-Gun Fight-Mexico86-Spot Pool-Blue Shark-JB Lyric E-Seeburg 101


Avatar utente
Tox Nox Fox
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5258
Iscritto il: 14/01/2007, 23:35
Medaglie: 2
Reputation: 26

Re: La breve storia dei flipper..dal '50 ai giorni nostri

Messaggio da Tox Nox Fox » 29/09/2010, 12:31

WOW
<-clap->
bel lavoro, molto interessante.
<-shake2->
Immagine
WP.ARCADEITALIA.NET


Avatar utente
fedemilano
Affezionato
Affezionato
Messaggi: 128
Iscritto il: 19/12/2008, 23:57
Reputation: 0
Località: Milano
Contatta:

Re: La breve storia dei flipper..dal '50 ai giorni nostri

Messaggio da fedemilano » 23/10/2010, 23:09

Bravo Baro, ti ho preso l'articolo e postato in flipperitalia.net \:D/


Avatar utente
PaTrYcK
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11042
Iscritto il: 12/10/2009, 19:35
Reputation: 105
Città: Cagliari

Re: La breve storia dei flipper..dal '50 ai giorni nostri

Messaggio da PaTrYcK » 23/10/2010, 23:42

Beowulf ha scritto:Io ho il silver slugger che invece del doblone dovrebbe erogare un ticket. A cosa serviva poi il doblone? E il ticket?
ai tempi in cui il flipper tirava, molti gestori di bar offrivano delle consumazioni in base al punteggio che si otteneva nel flipper, quindi molti punti=ticket=birra 8-)
The Red-Gottlieb Lucky Strike-Super Sprint-Daytona USA-Invasion-Sega Rally- Microguida-Asterock-Chase HQ-Road Champion-JBLyric-Dig Dug-Super Off Road- Asteroids- Astro Wars-The Invaders-Kosmo Killer-Zarzon-Portraits-Xevious-Clowns-Scramble-Gaplus-Ice Cold Beer -Turbo-Defender-Gun Fight-Mexico86-Spot Pool-Blue Shark-JB Lyric E-Seeburg 101


Avatar utente
mossfet
Cab-maniaco
Cab-maniaco
Messaggi: 1541
Iscritto il: 19/01/2011, 13:14
Medaglie: 1
Reputation: 7
Città: Bolzano
Località: Bolzano
:
Gold Medal
Contatta:

Re: La breve storia dei flipper..dal '50 ai giorni nostri

Messaggio da mossfet » 22/03/2011, 12:51

Fino a poco tempo fà nel mio paese c'era un flipper "The addams Family" con un record altissimo, in caso di record battuto il gestore pagava da bere a tutti i presenti e il nuovo detentore del record poteva cenare gratuitamente nel pub. Il record è rimasto imbattuto per circa 6 anni, ossia fino alla chiusura del locale. Ovviamente per tentare l'impresa bisognava mettersi in fila e attendere il proprio turno, pare che quel flipper abbia incassato molti soldi, e anche una modica cifra di calci e pugni. Sin da quando arrivarono i Flipper nei bar, nel mio paese c'è stata una certa predisposizione alla competizione "Flipperistica", tanto che a detta di alcuni nei primi anni 80 a causa di un diverbio per una partita su un flipper ebbe inizio una faida tra due famiglie. Purtroppo con il ricambio generazionale questa cultura è andata persa, adesso i flipper non si vedono più in nessun locale del paese, ma stiamo cercando di organizzare per questa estate il primo evento "Flipperistico", sperando di avvicinare i più giovani a questo tipo di divertimento. Ovviamente sarete tutti invitati, magari presso lo stand "ArcadeItalia"...
EmuZone.it Founder
EmuMovies LifeTime Member
HyperSpin Platinum Member


Avatar utente
PaTrYcK
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11042
Iscritto il: 12/10/2009, 19:35
Reputation: 105
Città: Cagliari

Re: La breve storia dei flipper..dal '50 ai giorni nostri

Messaggio da PaTrYcK » 22/03/2011, 13:19

mossfet ha scritto:stiamo cercando di organizzare per questa estate il primo evento "Flipperistico", sperando di avvicinare i più giovani a questo tipo di divertimento. Ovviamente sarete tutti invitati, magari presso lo stand "ArcadeItalia"...
Ottima iniziativa...purtroppo il flipper si e' perso ed ovviamente se uno non ci ha mai potuto giocare non puo' capire quanto sia emozionante...
The Red-Gottlieb Lucky Strike-Super Sprint-Daytona USA-Invasion-Sega Rally- Microguida-Asterock-Chase HQ-Road Champion-JBLyric-Dig Dug-Super Off Road- Asteroids- Astro Wars-The Invaders-Kosmo Killer-Zarzon-Portraits-Xevious-Clowns-Scramble-Gaplus-Ice Cold Beer -Turbo-Defender-Gun Fight-Mexico86-Spot Pool-Blue Shark-JB Lyric E-Seeburg 101


Avatar utente
TheBaro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6711
Iscritto il: 22/07/2005, 20:52
Reputation: 18
Località: Brescia

Re: La breve storia dei flipper..dal '50 ai giorni nostri

Messaggio da TheBaro » 23/03/2011, 11:01

ottimo...io e fedemilano abbiamo organizzato la prima edizione del TIF (torneo Italiano Flipper) nel 2009 e stiamo andando verso al terza edizione a Milano del 2011..
è veramente bello e emozionante vedere gente che da paesi di tutto il mondo, arriva per giocare a flipper...
cmq se hai bisogno di qualche dritta o semplicemente lo organizzate, fammelo sapere che sicuramente vedro di esserci e magari portare gente....
dovunque ci siano flipper, io ci sono.. 8-)
Arcade Cab : Crazy Taxi, 18 Wheeler, Virtua Golf, 3 Naomi, Videogame, Magnum, Astrowar, Zaccaria, Operation Bear, Point Blank 2 e 3, Taito ZuZuBlock, Racing Hero, Badlands, Generico Guida Upright
Flipper : Creature from Black Lagoon, Road Show, Dracula, World Cup '94, Theatre of Magic, Tales from the Arabian Nights, Medieval Madness, Cactus Canyon, The Getaway HSII, Star Trek Next Generation, Monster Bash, Attack from Mars, Terminator 2, Revenge From Mars, ScaredStiff, Indiana Jones, The Addam's Family, Twilight Zone, Card King


Avatar utente
mossfet
Cab-maniaco
Cab-maniaco
Messaggi: 1541
Iscritto il: 19/01/2011, 13:14
Medaglie: 1
Reputation: 7
Città: Bolzano
Località: Bolzano
:
Gold Medal
Contatta:

Re: La breve storia dei flipper..dal '50 ai giorni nostri

Messaggio da mossfet » 23/03/2011, 12:42

Non ti nascondo che di problemi organizzativi c'è ne sono molti, a partire dalle cifre astronimiche che mi hanno chiesto per il noleggio dei flipper, che tra le tante cose dovrei appoggiarmi ad un titolare di partita iva per poterli noleggiare. Fortunatamente ho una vasta scelta di location, e qualcuno disposto a finanziare l'evento si è già fatto vivo. Spero di riuscire ad organizzare il tutto senza problemi, anche perchè avrei in mente di organizzare qualcosa anche a Bolzano, ma qui i costi salgono esponenzialmente. Per i flipper in calabria mi hanno chiesto 75€ al giorno trasorto e installazione inclusa, a bolzano siamo a 120€ solo il flipper poi ci devo anche calcolare il servizio di trasporto e installazione. Considerando che dai flipper e da tutto il resto non ci ricavo nulla è una bella grana. Comunque vada vi terrò aggiornati sull'evolversi della questione, per adesso rimaniamo che ci vediamo al TIF 2011.
EmuZone.it Founder
EmuMovies LifeTime Member
HyperSpin Platinum Member


Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti